Diaz, l’estetica giovanilistica e le occasioni perse

 

Attenzione: questo è un post contiene SPOILER

Una recensione poco pubblicabile frutto di una notturna chiacchierata online fra me (Z) e l’amico Er Manesse (E) di Pantofolari

E: posto che Diaz è un filmone, ma il topos narrativo di quelli che mentre tutto accade stanno in casa a scoprire l’estasi che è propria dell’idillio dell’amore lo vogliamo affrontare una buona volta? manco in The Dreamers o in Occupiamo il Rettorato contro la Moratti 2005  Continua a leggere

Annunci

La terza dimensione di Ligabue

 

 

Ligabue torna al cinema. Questa volta niente storie di formazione anni ’60, niente più storie da bar della bassa emiliana, ma ben due ore e quindici minuti di proiezione del live di Campovolo in formato 3D.

Troppo facile qua una stroncatura. Anche prima di aver visto il film. Il problema è infatti strutturale non stilistico: vedersi un live in un multisala è come provare a fare sesso senza togliersi le mutande.  Continua a leggere

Cazzo applaudi/3 (Fratelli Taviani)

 

 

Non che voglia demolire stasera alle 1:15 di notte la valenza culturale dell’opera dei Fratelli Taviani (anche se la tentazione è forte).

Ma la scena madre di Good morning Babilonia del 1987 in cui i poveri e belli fratelli Bonanno rivendicano al responsabile del set di Intollerance le nobili origini della razza italica mettendole a confronto con la dubbia identità nazionale del tipico americano wasp, mi è sembrata più che la trasposizione cinematografica del razzismo subito dai migranti italiani negli Stati Uniti, una tavanata nazionalistica per ingraziare il pubblico che ricorda i precedenti film spazzatura di Carlo Pedersoli Lo chiamavano Bulldozer (1987) e Bomber (1982).

Natualmente però il tema della rivincita dell’italiano povero, ma bello, sgangherato ma genuino, sull’americano ricco e prepotente in un film di Bud Spencer ci sta benissimo, in un pappone con pretese di capolavoro come il film dei Taviani mette abbastanza tristezza.