Cazzo applaudi/3 (Fratelli Taviani)

 

 

Non che voglia demolire stasera alle 1:15 di notte la valenza culturale dell’opera dei Fratelli Taviani (anche se la tentazione è forte).

Ma la scena madre di Good morning Babilonia del 1987 in cui i poveri e belli fratelli Bonanno rivendicano al responsabile del set di Intollerance le nobili origini della razza italica mettendole a confronto con la dubbia identità nazionale del tipico americano wasp, mi è sembrata più che la trasposizione cinematografica del razzismo subito dai migranti italiani negli Stati Uniti, una tavanata nazionalistica per ingraziare il pubblico che ricorda i precedenti film spazzatura di Carlo Pedersoli Lo chiamavano Bulldozer (1987) e Bomber (1982).

Natualmente però il tema della rivincita dell’italiano povero, ma bello, sgangherato ma genuino, sull’americano ricco e prepotente in un film di Bud Spencer ci sta benissimo, in un pappone con pretese di capolavoro come il film dei Taviani mette abbastanza tristezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...