Ad Ottobre mi innamoravo solo di riflessi..

autunno1

 

Tuffato nella fonte di Narciso
m’innamoravo solo di riflessi.
Ogni tratto somatico del viso
scompariva all’arrivo degli amplessi
che consumavo inevitabilmente
proiettando l’immagine di me
dentro un corpo diverso ma presente
che non mi richiedeva alcun perché.
Ed era naturale quello sdarsi
cercando senza sosta il sottoporsi
ad un teatro privo di catarsi
che il cuore sceneggiava di rimorsi.
Ed ancora da fulmine colpito
correvo dietro un tipo benvestito

 

Nonostante la nostra convinzione sulla profonda inutilità sociale e culturale della poesia contemporanea, ci piace questa raccolta di poesie di Marco Simoncelli conosciuta attraverso Nazione Indiana

Will contiene 24 sonetti, come ricorda il titolo ispirati allo stile shakesperiano in un ideale itinerario del desiderio,non solo erotico ma anche di liberazione dal narcisismo,  con un percorso che si conclude con un incontro con l’alterità.E’ un dettato che ti avvolge come domopack affettuoso: poiché, al di là di ogni ragionevole amarezza o causticità, l’umanità dolce e dolente si sente e tanto e chiede un appoggio al suo viandare zoppicante ma infaticabile.

Poi come dice Oscar Wilde: il solo fatto di aver pubblicato un volume di sonetti di secondo ordine rende irresistibile un uomo.

Annunci

2 thoughts on “Ad Ottobre mi innamoravo solo di riflessi..

  1. “l autunno che sfuma i contorni consuma in un giorno + giorni…”
    “ti sembra sia un gioco indolente, ma rapido brucia giornate che appaiono lente”

    cit Guccini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...