Zibibbo

 

zibibbo

 

Cambia il mondo fra la realtà e la prospettiva. E se solo avessi capito l’intreccio di sentimenti che si stava sviluppando in quella cucina non avrei annunciato il mio arrivo con un banale e non continuativo squillo di campanello. Come minimo mi sarei fatto precedere da una orchestrina ungherese e sarei arrivato con un mantello di piume ed una tuba in testa. 

Nelle comiche degli anni 30 gran parte della comicità stava nel rapporto fra l’alta stima di se del personaggio e la figura misera e redicola che il personaggio rivela agli altri personaggi ed al pubblico. Quindi capita che ti senti un po’ Buster Keaton quando arrivi baldanzoso, salvo poi accorgerti che dalla cena precedente puzzi di pesce, che hai un occhio gonfio dalla congiuntivite, che ti gratti in continuazione per via di una zanzara e che il pesce di cui sopra ti crea dei vortici pericolosi nello stomaco.

Un altro problema è l’egocentrismo. Ed ancora più grave l’essere egocentrici quando non si ha nulla di partcolarmente piacevole o di particolarmente spiacevole da mostrare alla pubblica attenzione. Se fossi un albino sudanese con due piselli il mio egocentrismo sarebbe soddisfatto. Invece in quel momento ero solo appena tornato da una partita di basket e prima di venire avevo mangiato delle cozze gratinate. Fine dei punti di interesse. C’è una bottiglia di Zibibbo di Pantelleria lo bevo e mi gioco i miei due/tre minuti di intenditore enogastronomico. 

Poi ci sono i segni. Dio quanto non sono capace di cogliere i segni. Od almeno non è che non sono capace, ma non riesco a capirne la regola generale, per cui mi sono chiari solamente quando ho potuto sapere la soluzione. Mi verso un altro bicchiere di Zibibbo, dichiarando che quando il vino è buono non fa male, ed mi sembra di ragionare come una zia conservatrice, anzi se dobbiamo definirla come la sorella zitella di Esteban Trueba ne La Casa degli Spiriti. Mantengo la parte per un po’: in una discussione sull’uso eccessivo di antidolorifici, mi viene da dire che il dolore è giusto se è naturale. Che ripensandoci è anche la posizione di chi credeva che gli antistaminici fossero uno strumento del demonio. 

Me ne vado fingendo sonno e pensando a quanto potrebbe rischiare Prandelli sperimentando un tridente con Gilardino e Mutu con Jovetic dietro le punte: probabilmente Gilardino si ridurrà a lavorare solo di sponda disperdendo la sua potenzialità al tiro e nella progressione da spalle alla porta . C’è più attinenza di quanto sembra fra i problemi con le donne ed i moduli di calcio. 

C’è chi dice che il segreto in tutti i campi è essere sempre al posto giusto nel momento giusto. Ecco io magari ci sono anche nel posto giusto, ma nel momento giusto di qualcun altro.

 

 

Scritto su tovaglioli di carta è la rubrica di frammenti personali di cosafarequandopiove.
Non è che abbiamo perduto il nostro cinismo, ma fare i cinici tutto il giorno non sapete quanto ci fa stancare

Annunci

One thought on “Zibibbo

  1. Finalmente ho capito come si fa a lasciare i commenti… Intanto, il pulsante si trova in alto e ciò non agevola la comprensione. Poi è scritto in inglese… Comunque ci sono riuscito. Per dire che sei mitico! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...